Market & Task

Negli ultimi anni l’esigenza di ridurre i costi infrastrutturali ha indotto le aziende a razionalizzare i sistemi esistenti. Delle molte sfide che le moderne aziende sono chiamate ad affrontare, quelle probabilmente più stimolanti sono relative all’area del procurement e logistica aziendale e, in un’ottica più allargata, della supply chain.

Nuove regole della competizione, globalizzazione, pressione al ribasso dei prezzi e centralità del ruolo del cliente finale sono alcuni dei fattori che evidenziano il ruolo cruciale della supply chain e ne amplificano la sfera d’azione ben oltre le singole mura aziendali.
Orientare al successo la supply chain restituisce una visione globale di una rete logistico-produttiva, dall’approvvigionamento delle materie prime fino alla distribuzione dei prodotti finiti e al post-vendita.

In una fase di forte incertezza economica e sociale, alcuni fattori diventano determinanti per la crescita dell’impresa: l’outsourcing è fra questi, e si sta sempre più caratterizzando come l’elemento vincente per le aziende che vogliano far fronte all’attuale congiuntura negativa.
I vantaggi sia economici che strategici dell’outsourcing si realizzano sia nel breve che nel medio periodo, a partire dall’ottimizzazione delle risorse umane per arrivare ad un time-to-market molto più rapido.

D’altra parte l’outsourcing, per riportare un Roi elevato o comunque adeguato alle esigenze dell’azienda, deve essere concepito ed inteso come una scelta strategica, e come tale andrà pianificato.